Love Zone

Paese che vai, San Valentino che trovi

lunedì 3 febbraio 2014   
di Giovanni Papa

C’è una leggenda legata alla vita di San Valentino, intendo il santo, martire cristiano nato nel 176 a Terni, riconosciuto come protettore degli innamorati:  prima di essere decapitato egli ridiede la vista alla figlia del suo carceriere, salutandola con un messaggio d’addio che terminava con le parole “dal tuo Valentino”. Un messaggio d’amore disarmante, che vera o non vera la leggenda agiografica, è bellissima perché esprime con semplicità tutta l’essenza del vero amore.

San Valentino è una festa che si celebra da 1.500 anni , commerciale e modaiola certo, ma che ha la particolarità di mantenere intatto nei secoli  tutto il suo fascino per quella  travolgente connotazione romantica a cui è difficile resistere.

Immaginate, addirittura, che è stata organizzata, nella terra del santo, una vera e propria maratona, una corsa dell’amore, ma  anche qui in Capitanata, a Vico del Gargano, non si scherza con la suggestione delle celebrazioni che si tingono del profumo delle arance garganiche.

Ed è questa la cosa davvero interessante:  “Paese che vai, San Valentino che trovi”, perché le celebrazioni del giorno dell’amore sono davvero presenti in ogni nazione e cultura, seppur con declinazioni diverse.

 Basti pensare che in Kenya, ad esempio, le donne regalano al proprio marito una zucca contenente vino di palma e gli uomini alle proprie mogli un pezzo di focaccia di tiglio e poi assieme bevono da una sorta di coppa dell’amore.

 

In Giappone, invece,  è la donna a dover dar prova del proprio amore, regalando cioccolatini e dando prova delle proprie abilità domestiche. In Galles, invece, è tradizione regalarsi dei cucchiai di legno intagliati. Negli Stati Uniti, come ci hanno insegnato Charlie Brown & Co., anche i bambini lo festeggiano scambiandosi cartoline romantiche e le figurine dei loro eroi.

Un po’ come in Olanda, dove, oltre al tradizionale scambio di doni fra innamorati vige anche l’usanza di inviare biglietti anonimi all’innamorata o ad una potenziale futura ragazza. In Spagna, dove la festa è molto sentita il regalo tradizionale  è il mazzo di rose rosse. In Finlandia, invece, la festa viene chiamata "Ystävänpäivä", letteralmente il "giorno dell'Amicizia", ed un giorno dedicato a  dimostrare affetto a chi si vuole bene con doni  e pensieri gentili.

 In  Cina , la ricorrenza invece trae ispirazione da un'antica ed affascinante leggenda legata all'amore tra il pastore Niulang e l'immortale Zhinü che, separati sulla terra per volere di una divinità, possono incontrarsi una sola volta l'anno: la Festa di Qixi,  giorno in cui che si celebra il "Festival delle giovani donne", una giornata folcloristica che celebra l'amore verso il proprio compagno.

 

Nel mondo islamico è diffusa la tradizione che l’uomo doni  un fazzoletto intriso di sangue alla propria donna, come prova del proprio coraggio. Ma ci sono paesi, come l’Iran, dove ci viene raccontato, che la festa non è proprio contemplata.

 Viveur Lovezone, questa volta,  ha deciso di farsi raccontare da persone di nazionalità diverse come San Valentino viene festeggiato nei loro paesi.

 Ci racconta H., libanese: “In Libano ci sono quelli che non riconoscono questa festa; di solito sono le persone musulmane religiose. Ma la maggior parte del popolo festeggia questa festa e la aspetta per fare delle belle sorprese ai loro amori. Tra quelli sposati è sentito meno che tra i fidanzati. E’ una festa che “si sente” di più tra quelli che si amano "in nascosto", perché ci sono anche questi casi. Nelle città grandi come Beirut, Junieh, Zahleh, Saida, Sour ci sono negozi che iniziano a vendere qualcosa per questa occasione come oggetti carini rose cartoline ecc ecc”.

  

Così N., Bulgaro, ci racconta  che “In Bulgaria il 14 febbraio è anche la festa del vino, la festa bulgara nota come Tryphon Zarezan, e la festa di tutto il mondo è chiamata San Valentino.. Due feste in un solo giorno. E per l’occasione in Bulgaria si usa cucinare per la persona amata, regalare fiori, altri regali come cuori, palloncini, peluche e questo è il giorno in cui i sexy shop sono maggiormente visitati, per interesse. Ad esempio, in particolare, a Sofia, si usa fare una passeggiata al ponte dell’Amore (vicino al Palazzo Nazionale della Cultura) e una cena in un ristorante, così come altri riti anche più eclatanti come far volare delle lanterne cinesi.” 

Qualsiasi sia la vostra tradizione, dovunque vi ispiri trascorrere il giorno più romantico dell’anno, e qualsiasi dono vogliate fare o ricevere: buon San Valentino… E nel caso siate single vi ricordo che come diceva Oscar WildeQuando vuoi davvero l’amore lo troverai che ti aspetta”…nel frattempo potete sempre godervi la “tradizione confortante”  dei baci ( Perugina) .



Oggi 17 novembre

Calendario Eventi

Rubriche