Love Zone

Un cuore XXL: intervista a Sara d'Amario

martedì 11 marzo 2014   
di Giovanni Papa
Viveur Love Zone ha intervistato Sara D'Amario autrice del fortunato libro Un Cuore XXL, un romanzo che racconta di come possono trovare l'amore ragazzi così diversi gli uni dagli altri, ma uniti dalla voglia di vivere il mondo in tutte le sue taglie.
Mi chiamano tutti Zucchero, sono alto un metro e sessantasette, peso novantuno chili, suono la tromba e vado benissimo in matematica. Insieme a Gas e Soda sono sulla corriera che ci porta da Ceresole a Torino, per il primo giorno di liceo. Siamo preoccupati... Gas rutta meno del solito e Soda sembra ancora più magro... Io in una situazione normale starei pensando alla donna della mia vita, il mio pensiero ricorrente fin da bambino, invece non riesco nemmeno a concentrarmi sulla mia domanda preferita: qualcuno mi amerà quando sarò grande? “.

 

L’incipit di Un cuore XXL proietta subito i lettori in quelle che saranno le modalità con cui l’amore verrà sviscerato nel corso del libro, un romanzo dove i due protagonisti non sono i classici  “fighi”, protagonisti molti libri di storie adolescenziali, ma due ragazzi obesi, che insieme scopriranno l’amore.

Perché il libro scritto da Sara d’Amario narra una storia dove il peso del cuore conta più del peso fisico.

Famiglia, identità personale, relazioni affettivi e sessuali, risvolti psicologici sono tutti “Extra Extra large”, un po’ perché l’adolescenza è la fase in cui tutto è amplificato, ingigantito, un po’ perché l’amore è amore ed è importante indipendentemente dall’età in cui è vissuto. E l’amore adolescenziale merita di essere riconosciuto importante anche dai più grandi che lo guardano sempre con la lente di una presunta “maturità”.

Viveur LoveZone questa settimana ha voluto incontrare la scrittrice del libro. Laureata in lettere moderne, affermata attrice cinematografica, per la tv e teatrale, doppiatrice e ora scrittrice.

Partiamo da Un cuore XXL….

 

Viveur LoveZone: Nel libro racconta “l’amore” in età giovanile. Spesso l’amore giovanile è visto come un amore immaturo, quasi meno importante di quello adulto. Qual è il suo pensiero a riguardo?

 

Sara D’Amario: Ritengo che l'amore giovanile non sia affatto meno importante di quello adulto. I primi battiti del cuore e del corpo sono fondamentali e lo sono da sempre, lo sono stati anche per tutte le generazioni passate. Oggi, il bombardamento di immagini a cui i giovanissimi sono sottoposti (o a cui hanno accesso) prima di arrivare a vivere in prima persona la sfera affettiva, emozionale e sessuale, rischia di deviare un po' il loro pensiero o atteggiamento e di conseguenza il loro approccio a queste 'tematiche'.

In UN CUORE XXL, sono stata particolarmente attenta a non suggerire mai pensieri o comportamenti che non fossero adatti al pubblico dei giovani lettori.

 

V.L. Nel libro si affrontano questioni molto importanti, secondo me. Tra queste quella dell’obesità. Zucchero dice Più cibo riesco ad assorbire, più mi sento calmo, forte.Secondo lei, quanto questo fattore può essere un limite nell’affrontare serenamente le relazioni d’amore in età giovanile?

Sara: Se per fattore intende l'obesità, ritengo che sia in primo luogo un limite alla qualità della vita e un serio pericolo per la salute. Rispetto alle relazioni amorose, è un limite come qualunque altra forma di 'distanza' dai modelli estetici a cui siamo abituati o 'costretti' ad uniformarci.

 

V.L.: Nel suo libro si parla anche di famiglie. Qual è secondo lei il segreto di una famiglia che funziona?

Sara: Credo ci siano due segreti: il primo consiste nel dare l'esempio, ovvero più che dare consigli o ordini, penso che gli adulti debbano dare ai ragazzi esempio di civiltà, di rispetto reciproco e per se stessi, e di amore.

Il secondo è il dialogo, ovvero la capacità degli adulti di saper ascoltare senza giudicare, per permettere ai ragazzi di fidarsi e quindi parlare e raccontarsi.

 

V.L.: Nel pensare ai personaggi del suo romanzo si è ispirata a qualcuno o qualcosa in particolare?

Sara: Ho pensato a quanto l'epoca che viviamo sia complicata per gli adulti e quindi mi sono chiesta quanto possa esserlo per i giovanissimi. Ecco perché ho scelto di scrivere di loro e per loro, per offrire delle possibili interpretazioni del reale, con leggerezza e umorismo.

 

V.L.: Gli ingredienti di un amore sano sono…

Sara: Il rispetto reciproco, anche quando l'amore finisce; la generosità e il desiderio condiviso di volere davvero il bene dell'altro.

 

V.L.: Gli ingredienti di un amore patologico sono…

Sara: La gelosia, il possesso e l'incapacità di accettare un eventuale rifiuto.

 

 L’incapacità di accettare un eventuale rifiuto è espressione di un cuore di taglia piccola… un cuore XXL, forse, sa guardare oltre..

 

 



Oggi 17 novembre

Calendario Eventi

Rubriche